Sei qui: Home Miglionico sulla stampa locale Rifiorisce il patrimonio culturale musicale miglionichese

Rifiorisce il patrimonio culturale musicale miglionichese

Stampa 

MIGLIONICO. Rifiorisce il patrimonio culturale musicale miglionichese. Un “tesoro” che affonda le sue radici fino al secolo scorso, ai primi anni del 1900. Fu allora che in paese fu costituita la prima banda musicale. In questi giorni ne è nata una nuova, denominata “Città di Miglionico”, dedicata alla memoria di un grande musicista e compositore miglionichese, Nunzio Antonio Clementelli (1914 – 2012). E’ un’orchestra composta da quaranta musicisti, tutti di Miglionico. Raccoglie quasi tutti i talenti musicali della comunità. Vuole essere un’orchestra d’avanguardia: è strutturata sia per tenere i concerti sul palco sia per sfilare per le strade nel corso delle celebrazioni religiose. Nel suo organico comprende sia gli strumenti dei fiati (clarinetti e sassofoni) sia quelli a ottoni (trombe, tromboni e corni) ed a percussione (piatti, tamburi e grancasse). Di più: al suo interno integra anche altri strumenti musicali, come la tastiera elettronica, la chitarra elettrica, la fisarmonica e la batteria che, di norma, sono estranei all’organico dell’orchestra sinfonica. Una caratteristica, quest’ultima, che costituisce un vero e proprio tratto distintivo del complesso bandistico miglionichese. Una peculiarità esclusiva del complesso bandistico: gli consentirà di proporre all’attenzione del pubblico non solo le opere sinfoniche e i brani classici delle musiche delle bande da giro, ma anche “arrangiamenti” tratti dal repertorio della musica leggera italiana ed internazionale. Quindi, l’orchestra miglionichese, che sarà diretta dal maestro sassofonista Angelo Manzara, potrà produrre delle sonorità dal repertorio variegato: spazierà dalle tradizionali marce musicali alle sinfonie d’opera fino ai brani musicali del genere “pop”, “rock”, “blues” e “jazz”. Ne discende che il complesso musicale sarà in grado di rispondere a numerose esigenze e a vari gusti musicali del pubblico. Potrà contare su un vasto repertorio, capace di sostenere concerti e spettacoli musicali della durata superiore a tre ore, funzionali sia alle manifestazioni religiose e civili sia a supporto degli spettacoli di intrattenimento nelle piazze. Presidente della neo associazione bandistica è un ex maresciallo della Marina militare italiana, il luogotenente Giuseppe Clementelli, figlio del compianto musicista Nunzio Antonio. Al talentuoso maestro trombettista Antonio Faniello, infine, quale capo banda, è stata affidata la guida artistica dell’orchestra. Pasquale Padula ne sarà il manager.

dalla Gazzetta del Mezzogiorno
di Giacomo Amati

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni clicca sul link seguente privacy.

Ho capito.
EU Cookie Directive Module Information