Sei qui: Home Miglionico sulla stampa locale il Consiglio comunale ha approvato il bilancio di previsione finanziario per il 2018

il Consiglio comunale ha approvato il bilancio di previsione finanziario per il 2018

Stampa 

MIGLIONICO. Col solo voto favorevole del gruppo di maggioranza di centrosinistra che sostiene il sindaco Angelo Buono (Pd), il Consiglio comunale ha approvato il bilancio di previsione finanziario per il 2018. Voto contrario da parte dei tre consiglieri comunali di minoranza del M5S. Il documento contabile prevede un totale di entrate per l’anno in corso di due milioni e 408 mila euro: la somma di 1 milione e 546 mila euro deriva dalle entrate tributarie: invece, i trasferimenti correnti che il Comune riceve dallo Stato ammontano a circa 436 mila euro; le entrate extra tributarie, infine, sono di 201 mila euro. Tra quest’ultime spicca la somma di 124 mila 413 euro che l’ente comunale ha incassato dalla vendita, tramite asta pubblica, dei terreni comunali. Di tale somma, il 90%, pari a 111.972 euro, sarà destinato alle spese d’investimento (sono quelle relative al miglioramento della viabilità cittadina e ad altre strutture pubbliche comunali); mentre la restante quota del 10%, pari a 12.441 euro, sarà destinata alla riduzione del debito contratto negli anni passati che ammonta a 113 mila euro per aver ricevuto mutui vari, utili ad eseguire opere pubbliche. Nella sua relazione al bilancio di previsione finanziario, il sindaco Buono ha precisato che il “fondo di solidarietà comunale spettante al Comune di Miglionico, per il 2018, è pari ad euro 617.723 e registra una riduzione di 16.237 euro rispetto a quello ricevuto nell’anno 2017”. Da parte sua, il capo gruppo consiliare di minoranza del M5S, Antonio Digioia, nel motivare il voto contrario del suo movimento ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Pur apprezzando gli sforzi dell’Amministrazione nel reperire fondi e finanziamenti pubblici per la realizzazione delle opere pubbliche al servizio dei contribuenti, non possiamo che essere in disaccordo sulla mancata riduzione di alcuni costi di gestione decisa dal gruppo di maggioranza (eliminazione dei buoni pasti ai dipendenti comunali, riduzione delle indennità di posizione per i capo area, riduzione a un solo componente della commissione per il controllo interno di gestione e gestione del sito internet). Se fossero stati accolti i nostri suggerimenti, il Comune avrebbe potuto risparmiare circa 50 mila euro all’anno. E oggi avrebbe incontrato meno difficoltà nel realizzare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria al patrimonio mobiliare e immobiliare del Comune”.

dalla Gazzetta del Mezzogiorno
di Giacomo Amati

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni clicca sul link seguente privacy.

Ho capito.
EU Cookie Directive Module Information