Sei qui: Home Miglionico sulla stampa locale Un sagra che sta consacrando Miglionico come la “città dei fichi”

Un sagra che sta consacrando Miglionico come la “città dei fichi”

Stampa 

MIGLIONICO. Fine settimana con i fichi secchi. Sua maestà il fico, secco per l’occasione, sarà al centro della XII edizione della “Sagra dei fichi secchi”. Un sagra che sta consacrando Miglionico come la “città dei fichi” di cui è ricco il territorio ed il cui utilizzo culinario, in svariati modi, ha fatto guadagnare ai suoi abitanti l’appellativo di “pappaculumbriedd” che alla lettera significa “mangiatori di fichi”. Una pianta, quello del fico, particolarmente amata dai miglionichesi, rivalutata da una dozzina d’anni, grazie al lavoro costante della ProLoco che si è adoperata per far conoscere ed apprezzare in tutte le peculiarità, il suo frutto. Non c’è appezzamento di terreno che non abbia almeno una pianta per la produzione, anche solo ad uso personale, dei rinomati fichi secchi, da sempre prodotti caratteristici della cittadina. Una produzione che da qualche anno sta avendo nuovo vigore grazie anche ad un’azienda locale, la MagniFicus, che ha iniziato a commercializzarli con successo ricevendo continue richieste, sia dall’Italia che dall’estero e che ha fatto da traino a tanti piccoli produttori che hanno riscoperto una risorsa di cui il territorio è ricco. La ProLoco, guidata da Francesco Martulano, con Terre di Mezzo del Materano ed il patrocinio del comune di Miglionico, della Regione Basilicata ed il sostegno dell’UNPLI e del Gal Bradanica, per questa XXII edizione vuole dare carattere di qualità alla sagra portandola a svolgersi su due giornate ed ottenere a livello regionale e nazionale riconoscimenti appropriati per la tipicità che caratterizza il territorio. Sabato 29, si terrà nell’auditorium del Castello un convegno per avviare il processo per il riconoscimento PAT (Prodotto Agroalimentare Tradizionale), una opportunità per l’intero territorio, patrocinato anche dall’Alsia Basilicata.Un marchio di qualità che darebbe nuova linfa e notorietà ad una Sagra che già caratterizza il territorio. Oltre al convegno, dopo l’apertura degli stand alle ore 16 ed un laboratorio intergenerazionale, degustazioni con prodotti a base di fichi, saranno possibili nella corte del Castello. In serata dalle ore 19.30, la EuroMarchingBand di Altamura si esibirà con il suo coinvolgente repertorio itinerante fra piazza Castello e piazza Popolo. La giornata di domenica 30, vedrà l’apertura degli stand di prodotti tipici, sin dal mattino. Nel pomeriggio, laboratori atti a tramandare le tradizioni sull’utilizzo dei fichi , degustazioni con pettole a base del famoso “cotto di fichi” e dolci tradizionali a base di fichi, saranno possibili. La serata continuerà con l’esibizione degli “Anagramma Folk” alle 18:30 cui seguirà, alle ore 20.30 in piazza Castello, l’esibizione del cabarettista di “Made IN Sud” Mino Abbacuccio.

dal Quotidiano della Basilicata
di Antonio Centonze

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni clicca sul link seguente privacy.

Ho capito.
EU Cookie Directive Module Information